Dal al

Caricamento Eventi

« Tutti Eventi

  • Questo evento è passato.

PARABOLE D’ORIENTE Il Cristianesimo alla sfida del nuovo millennio

19 settembre 2014 @ 8:00 - 1 ottobre 2014 @ 17:00

L’Ambasciata della Repubblica d’Armenia presso la Santa Sede e la Comunità  di Sant’Egidio presentano, dal 19 settembre al 1 ottobre 2014, presso il Complesso del Vittoriano, la mostra fotografica “PARABOLE D’ORIENTE. IL CRISTIANESIMO ALLA SFIDA DEL NUOVO MILLENNIO”.

L’esposizione, che si svolge sotto il patrocinio del Pontificio Consiglio della Cultura, costituisce la tappa romana di una serie di mostre che toccheranno nell’arco di un anno diversi luoghi, passando per Bruxelles, Ginevra e New York. La prima tappa si è svolta a Rimini, alla XXXV edizione del MEETING PER L’AMICIZIA FRA I POPOLI, dal 24 al 30 agosto 2014. La mostra ha l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica occidentale sulla questione dei cristiani orientali e sulla perdita dell’immenso patrimonio culturale cristiano in Medio Oriente.

Disseminati fra Egitto, Siria, Cipro, Libano, Iran, Iraq, Turchia, Israele e Palestina, i cristiani d’Oriente sono i diretti discendenti dei primi evangelizzatori. Dodici milioni di cristiani vivono sulle sponde orientali del Mar Mediterraneo che rischiano di non avere più l’aspetto disegnato dopo la prima Guerra Mondiale. La caduta o l’indebolimento di regimi decennali, le cosiddette “primavere arabe”, l’avanzata del fondamentalismo islamico, il secolarismo europeo e gli interessi economici e politici delle potenze mondiali stanno stravolgendo la geografia dei confini mediorientali.

L’esposizione “PARABOLE D’ORIENTE, I CRISTIANI ALLA SFIDA DEL TERZO MILLENNIO”, offre diversi piani di lettura, concependo una doppia visione fotografica della stessa area del mondo e delle sue problematiche affidata a linguaggi della fotografia contemporanea differenti e, per molti aspetti, complementari. Una scelta che offre una molteplice percezione e ispira letture per immagini.

La prima di queste è il lavoro di Michele Borzoni che ha dedicato più di tre anni alle comunità  cristiane del Medio Oriente, viaggiando in ogni singolo Paese in tempi diversi per concentrarsi sulla morfologia umana e geografica. In questo modo ha potuto conoscere e abitare i luoghi dell’indagine fotografica e, soprattutto, osservare la difficile situazione attuale delle comunità  là  dove il Cristianesimo ha avuto origine.

Il suo approccio è riflessivo. Introduce ogni luogo con immagini di paesaggi perfette, equilibrate, capaci di comprendere la natura stessa del territorio. Questo è un progetto nato dal desiderio del viaggio, della scoperta, interpretati con rigore formale, mai empatico, sempre distaccato dagli eventi e sottoposto alla necessità  della costruzione narrativa in cui le manifestazioni e i riti collettivi ottengono la stessa rilevanza degli ampi scenari, nell’intento di restituire un racconto che affidi a elementi diversi la responsabilità  della rappresentazione. L’indagine è approfondita attraverso la ripresa di momenti di vita privata, ritratti d’interni e gesti quotidiani che, come una punteggiatura, accompagnano lo spettatore a guardare ogni scena dove tutto è silenziosamente vita, ricca di dettagli che raccontano storie.

Le immagini della cronaca, che compongono la seconda sezione della mostra, sono invece un punto di partenza inevitabile nel ruolo della fotografia testimone. Da sempre le hot news, come vengono definite le immagini utilizzate nell’informazione di carta e di pixel, sono la fonte primaria delle notizie.

Per costruire questo racconto si è scelto di mostrare la realtà  trasfigurata dalla guerra e dalla sofferenza delle comunità  cristiane tentando di evitare gli stereotipi e la facile iconografia e restituendo alla fotografia una delle sue missioni fondamentali: essere un documento, testimonianza diretta di ciò che accade, capace di circostanziare gli eventi con date e luoghi. Puntuale e indispensabile strumento per la ricostruzione della storia.

Questa raccolta di singole immagini, cronache degli ultimi dieci anni, pone l’attenzione, attraverso la documentazione di eventi specifici, sui fatti e i momenti cruciali che hanno segnato la vita di queste comunità . E’ impossibile solo pensare di avere un quadro d’insieme della difficilissima geopolitica dell’area, ma l’intento è offrire una percezione, una misura dell’entità  del disagio e la possibilità  di operare parziali e personali ricostruzioni attraverso ogni singolo fotogramma.

Sono molti i fotografi coinvolti in questa impresa, testimoni responsabili di far sapere cosa sta succedendo nelle aree più pericolose del mondo, capaci di documentare e spesso denunciare crimini e soprusi, contribuendo alla ricerca della giustizia.

 

 

Promossa da:

Ambasciata della Repubblica d’Armenia presso la Santa Sede

Comunità  di Sant’Egidio

Sotto il Patrocinio di:

Pontificio Consiglio della Cultura

 

Organizzazione generale:

Zona

Responsabile del progetto:

Vartan Karapetian

A cura di

Renata Ferri

 

Una mostra fotografica sulle comunità  cristiane in Medio Oriente con un lavoro monografico di Michele Borzoni e una selezione di immagini delle agenzie di stampa.

 

Testi di Andrea Milluzzi

Catalogo: Società  Editrice Fiorentina

 

Dettagli

Inizio:
19 settembre 2014 @ 8:00
Fine:
1 ottobre 2014 @ 17:00
Categoria Evento:

Luogo

Complesso del Vittoriano
Via San Pietro in carcere, snc
Roma, Italia
+ Google Map:

ergobaby porte bebe pas cher pandora shop louis vuitton tas adidas Tubular pas cher Nike Pas Cher Adidas NMD台灣官方網 louis vuitton Canada Goose Tilbud Canada Goose Jackets Sale Canada Goose Pas Cher Femme wantnbajersey Cheap New Balance Sale goyard sac prix Official Canadiens Jerseys Louis Vuitton Femme Pas Cher kshatriyasuperlam.com Montreal Canadiens