CONTATTI

Sede
Convento dell’Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria
Via Vittorio Veneto, 27
00186 Roma

Orari di apertura:
Tutti i giorni dalle 9:00 alle 19:00
Ultimo ingresso 30 minuti prima
Costo del biglietto:
€ 8,00 intero
€ 5,00 ridotto
€ 6,00 ridotto gruppi

Per informazioni:
tel. 06/88803695

segreteria@cappucciniviaveneto.it





Visualizza la gallery






Il 26 giugno 2012 stato inaugurato il Museo della Provincia Romana dei Frati Minori Cappuccini, presso il convento dell’Ordine in via V. Veneto – Roma. Un percorso museale che si inserisce all’interno di un progetto di riqualificazione dell’intero complesso conventuale e che attraverso opere d’arte di grande pregio, paramenti liturgici di preziosa fattura, antichi testi manoscritti e semplici oggetti di uso quotidiano, mette in luce la spiritualit di un Ordine religioso basato su un intenso misticismo, un semplice e sobrio stile di vita, una costante vicinanza al popolo eun forte e dolce spirito di fraternit.

 

Le otto sale del museo, ricavate all’interno del Convento, mostrano altrettante sezioni che risalgono alle origini del luogo, ne ripercorrono la storia e presentano la vita di coloro che s’ispirano alle testimonianze esemplari dei Santi cappuccini.

 

La prima sezione dedicata al Convento, commissionato dalla famiglia Barberini nel 1626 ed ultimato nel 1631, come esteso complesso conventuale con la chiesa dedicata all’Immacolata Concezione e secondo il progetto dall’architetto cappuccino Fra Michele da Bergamo.

La seconda sezione presenta la storia dell’Ordine, uno tra i pi diffusi nel mondo, abbinando ai quadri dei Padri Generali e ai documenti d’archivio, alcuni approfondimenti sui santi e sui conventi cappuccini della Provincia Romana. La terza sezione, Santit cappuccina, entra nello specifico della spiritualit cappuccina attraverso le immagini e le storie di alcuni santi dell’Ordine.

La quarta sezione, la pi ampia del museo per estensione, mette in evidenza la Cultura e la Spiritualit attraverso l’esposizione di vesti e oggetti di uso liturgico e quella di manufatti di uso quotidiano.

Questa sezione inoltre arricchita da alcuni approfondimenti didattici, quali il tema del crocifisso, e del “crocifisso sanguinante”.

La quinta sezione dedicata al “San Francesco in meditazione”, opera del Caravaggio, realizzata appositamente per il Convento dei Cappuccini.

Attraverso la sesta sezione I Cappuccini nel XX secolo, dove presente un particolare focus dedicato al Venerabile Padre Mariano da Torino, e la settima, I Cappuccini nel mondo, il percorso espositivo giunge fino ai nostri giorni mostrando qualcosa dell’attivit spirituale, culturale, missionaria e artistica che ha caratterizzato l’Ordine nel XX secolo: vengono presentati documenti, materiali e opere d’archivio di alcuni religiosi cappuccini propagatori del Vangelo, che hanno utilizzato antichi e nuovi strumenti, tecniche e forme di comunicazione.

 

L’ultima sezione del museo introduce al luogo conclusivo e di grande suggestione che chiude la visita del percorso: la Cripta-Cimitero. Opera d’arte singolare, realizzata verso la prima met del 1700, la Cripta nacque dall’esigenza pratica di fare posto ai nuovi defunti nel piccolo cimitero del convento e quindi trovare una giusta collocazione per le ossa dei frati riesumati.

La geniale composizione diventa occasione eccellente per l’annuncio tutto positivo del senso cristiano della vita umana e dell’approdo di questa alla risurrezione.

Nel 1631 i Frati cappuccini lasciarono il convento di S. Bonaventura, vicino a Fontana di Trevi, e vennero ad abitare in questo attuale della Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria in Roma, dove furono trasportati e collocati i resti dei religiosi defunti.

Padre Michele da Bergamo, architetto cappuccino, nelle sue “Memorie”, scrive che, nell’aprile di quell’anno, trasport qui, dal vecchio convento, i resti di san Felice da Cantalice poi “anco il corpo del R. P. F. Francesco Bergamasco, con tutte l’Ossa d’altri Frati, et anco quelli del S.r Marcantonio et Prospero Corteselli, riponendoli in luogo particolare”.

Le ossa furono sistemate in un certo ordine lungo le pareti e si inizi a seppellirvi frati ed anche i poveri di Roma, ai quali era riservato il sepolcro posto nel pavimento della cappella per la Messa.

Si pu supporre che l’opera di ornamento della cripta sia stata realizzata negli anni 1732-1775. In questo luogo, costituito da un corridoio lungo una trentina di metri, affiancato, attualmente, da sei ambienti, sono stati raccolti i resti mortali di circa 3.700 defunti, per lo pi frati cappuccini. Tradizione vuole che la terra di questo cimitero sia santa, perch trasportata qui dalla Palestina o addirittura da Gerusalemme.

 

 

Promosso da

Provincia Romana dei Frati Minori Cappuccini

In collaborazione con

Ministero dell’Interno

Dipartimento per le libert civili e l’immigrazione

Organizzazione generale e realizzazione

Comunicare Organizzando

ergobaby porte bebe pas cher pandora shop louis vuitton tas adidas Tubular pas cher Nike Pas Cher Adidas NMD台灣官方網 louis vuitton Canada Goose Tilbud Canada Goose Jackets Sale Canada Goose Pas Cher Femme wantnbajersey Cheap New Balance Sale goyard sac prix Official Canadiens Jerseys Louis Vuitton Femme Pas Cher kshatriyasuperlam.com Montreal Canadiens